×
orologio 8 Luglio, 2016

Giustizia fiscale e femminismo, ovvero se le multinazionali pagassero le tasse…

Questo post è la traduzione integrale dell’articolo Corporate tax is a feminist matter di Maria Hengeveld, pubblicato da Africa is a country il 12 settembre 2016. Ringraziamo l’autrice dell’articolo  per averci gentilmente permesso di tradurre integralmente il suo pezzo. This is the Italian translation of the article Corporate tax is a feminist matter   by Maria Hengeveld, published by  Africa is […]

orologio 8 Aprile, 2016

Perché i Panama Papers sono un problema femminista

La nostra cara amica Chiara Capraro con la collega Francesca Rhodes ha scritto l’articolo “Why the Panama Papers are a feminist issue” apparso su Open Democracy che ben rappresenta l’essenza dell’economia di genere e il motivo per cui è nato Ladynomics. E’ con ammirazione, e una punta di (benevola) invidia per non averlo scritto noi, che ve ne proponiamo […]

orologio 27 Gennaio, 2016

Donne, uomini, welfare e chi fa che cosa

In questi giorni, tra reddito minimo, congedi parentali e povertà, si parla molto di Welfare. E quando si parla di welfare penso a mia nonna, classe 1911. Non ha mai lavorato, ma ha speso una vita dietro alla famiglia. Due fratelli maschi, un marito, due figli, parenti anziani a volontà, che sono stati nutriti, lavati, stirati, accuditi negli anni. Pure vestiti. Ebbene sì, aveva le mani d’oro e non […]

orologio 14 Dicembre, 2015

Noi siamo ricchi solo perché loro sono poveri

Questo post è la traduzione del post “We are rich just because they are poor”  di Ieva Zu, fondatrice di Fashion Bloc. Ringraziamo l’autrice del post per averci gentilmente permesso di tradurre integralmente il suo pezzo. This is the Italian translation of the post “We are rich just because they are poor”  by Ieva Zu, […]

orologio 21 Maggio, 2015

Il Marketing della saponetta femminista

Oggi facciamo un gioco, che comincia con la storia di una saponetta. C’era una volta una saponetta, profumata, innovativa, equa e solidale, ma com’è come non è, in troppo pochi e poche la compravano. La povera saponetta – che era una saponetta femminista – era tristissima per il suo scarso successo e si chiedeva: ma […]