×

OROSCOPO FEMMINISTA 2022

di Giovanna Badalassi | 31 Dicembre 2021

Oroscopo

Ed allora facciamolo. Si, anche quest’anno, toglieteci tutto ma l’Oroscopo Femminista, quello no. Come da quattro anni a questa parte (qui le edizioni precedenti), ne abbiamo bisogno, di leggerezza a fine anno, nonostante la pandemia, soprattutto per la pandemia. Perché ci siamo arrivate, al 2022, e perché stiamo ancora a battagliare e a interrogare le stelle.

Troverete dunque qui i consigli di stelle speciali, femministe, grandi lavoratrici che reggono e collegano tutto lo zodiaco, poco appariscenti ma fondamentali perché il cielo non ci cada in testa. Non troverete invece quelle là, le comete, di chiara matrice patriarcale, che fanno tanta scena, tutti ammirano con stupore, ma in realtà, per chi non se ne fosse accorta sono…stelle cadenti!

Spoiler per le neofite: l’oroscopo femminista è inventato di sana pianta, quindi potete scegliere il vostro segno preferito come più vi piace: per una volta, siete voi a decidere, non un destino per nascita.

ARIETE

Il primo segno dell’Oroscopo Femminista è, ancora quest’anno, di nuovo per voi, donne della sanità in prima linea: dottoresse, ricercatrici, infermiere, OSS, addette alle pulizie negli ospedali e nelle case di riposo. Ma che tempra avete? Vi abbiamo tra le nostre amiche, e non crediamo a quello che vediamo. Il sonno lo contate oramai in minuti, state in piedi ore negli scafandri protettivi, non respirate, avete delle caviglie come zampogne, il naso bucato da tamponi permanenti, sempre di turno a prendervi gli insulti dei no-vax. E poi avete, ovvio, pure figli-mariti-casa-anziani sul groppo. Noi, affaticate dallo smart-working e dalle rinunce alle uscite, vi ammiriamo mentre tirate fuori questa forza sovrumana. Se non immaginavate di averla, beh, ora lo sapete. Ed è una buona notizia: quando tutto sarà finito non la potrete più nascondere, ma dovrete mirarla in alto: state salvando le nostre vite, domani sarete voi a salvare la nostra sanità pubblica. Se qualcuno cercherà di dimenticare quello che state facendo, ci penseremo noi a ricordarlo. Intanto, grazie.  Parola dell’anno: resistenza.

TORO

Gli americani l’hanno chiamata “The great resignation”. Eravate già a tappo prima, ma due anni di pandemia vi hanno portate a decidere. Si cambia lavoro, fosse anche coltivare la terra, la vita è una. Basta pagare per quello che siete: belle da sedurre, madri da allontanare, LGBT da insultare, diversamente belle da schiavizzare, intelligenti da mortificare. Ora si tratta di preparare una degna uscita di scena. Avete pensato a diversi copioni di distruzione, dalla katana di Uma Thurman, al lassativo sversato nella maxi boule dell’acqua, fino all’incendio dell’archivio. Le stelle vi consigliano invece di uscire da lì con un gesto costruttivo, tipo una denuncia all’Ispettorato del Lavoro o una letterina all’Agenzia delle Entrate. Cosucce così, che colpiscano nel portafogli e che insegnino più di qualsiasi altra lezione, soprattutto a favore di quelle che verranno dopo di voi. Parola dell’anno: contrappasso.

GEMELLI

Da brave gemelle, nella vita pre-covid avete sempre avuto una doppia personalità di outfit, sia sportiva che elegante. La pandemia ha però ucciso il vostro cotè posh, tra confinamenti, quarantene, riduzione delle uscite, clima depresso. Da due anni vi sentite sempre in tuta percepita, nera o color fango, a prescindere che siate in casa o in ufficio. Ora però avete cominciato a fare cose strane: girate per casa con i vestiti da capodanno, comprate online la stessa borsa di tre colori diversi e due spazzole calde per ogni tipo di riccio, passate le serate a sperimentare nuovi make-up con tratteggio da affresco. Qualche giorno fa, poi, avete esagerato, cominciando a guardare con occhi concupiscenti il vestito da sposa, vagheggiando diete sataniche per rientrarci e farci poi la spesa al supermercato. Ecco, questo non va bene. Prima di sbroccare del tutto, per l’anno nuovo le stelle consigliano di prendervi cura di voi stesse, buttare via la tuta da ginnastica e vestire colorate in modo da piacervi nonostante l’atmosfera avversa. Anzi, proprio per questo, l’autostima non potrà che ringraziare. Parola dell’anno: eleganza.

CANCRO oroscopo

“L’état c’est moi!”, pare dicesse Luigi XIV, re di Francia, per avere instaurato una monarchia assoluta di diritto divino. Beh, “lo Stato sono io!” lo potere dire anche voi, madri di prole minorenne, regine pure voi ma della casa e, pare, per dovere divino. Dove non arriva lo Stato, quello vero, non si sa come ma ci siete sempre voi a tappare la falla: bambini a casa per la DAD? Autobus e treni a pericolo contagio? Pediatra scomparso? Tranquilli, c’è la mamma che pensa a tutto. “Lo Stato sono io”, lo potete dire anche voi, figlie di genitori da accudire: l’ospedale ha bisogno di letti e dimette prima l’anziano/a? Bisogna fare gli esami a 300 km che sennò prima di 6 mesi te lo scordi? Non si trova posto in una RSA prima di due anni? Tutti sereni, tanto una soluzione la trova sempre lei. Però non si capisce, a questo punto, come mai le donne vadano bene per rimediare a tutte le manchevolezze dello Stato solo per la propria famiglia e non in politica, che se vogliamo si occupa di tutte le famiglie.  O meglio, si capisce benissimo, ma è arrivata l’ora di farci qualcosa, non pensate? Per l’anno nuovo le stelle femministe consigliano quindi, se non lo state già facendo, di ritornare a impegnarvi, fosse anche solo iscrivendovi ad una associazione: lo Stato è di tutti, anche nostro, dunque, che siamo metà dell’elettorato. Prendiamoci la nostra parte. Parola dell’anno: partecipazione.

LEONE oroscopo

Voi, creature leonine, in questi due anni vi siete fatte scivolare addosso spensierate ogni cambiamento, immaginandolo transitorio. Ce n’è però uno che ora temete rimarrà irreversibile: i tacchi. Chi li mette più? Le nostre estremità si sono oramai mollemente assuefatte al comfort della ciabatta, alla vastità dei Doctor Martens, alle carezze delle sneakers. Il fatto è che il piede,  una volta uscito dalla prigione, non intende rientrarci più. Così i dolori lancinanti persino alla prova di un mesto tacco 4 da zia, vi fanno temere che i giorni dello stambecco non tornino più. Tranquille, non è un male: i tacchi in fondo vi hanno sempre fatto un male cane. Godetevi dunque la ritrovata comodità, e resistete che la moda prima o poi si adatterà. Piuttosto, se proprio tacco deve essere, che sia allora per gli uomini, ora tocca un po’ a loro. Cominciamo quindi a decantarne con occhi sognanti le virtù virili e riproduttive, rievochiamo quel Luigi XIV (sempre lui), storico inventore dei tacchi 12, prospettando un destino da Re Sole ai nostri capi/compagni/amici. Scriviamo libri sulla leadership dello stiletto, organizziamo corsi di camminata felina per managers, facciamo regali natalizi mirati. Sai mai che abbocchino. Parola dell’anno: equilibrismo.

VERGINE oroscopo

Quest’anno sono partite le sirene, più del solito: in Italia non si fanno più figli. All’armi! Voi, amiche in età riproduttiva vi sentite un filo chiamate in causa e vi fate un esame di coscienza: perché non sto facendo il primo-secondo-terzo-quarto-quinto figlio? Le risposte, sempre che ne vogliate, di figli, le sapete già. Ma cosa ci convincerebbe invece a proliferare di più? Un Voucher bebè? Un posto all’asilo nido? Un po’ poco, no? L’Oroscopo Femminista autorizza ad immaginare l’impossibile. Diciamolo: vogliamo essere trattate da dea-madre: se i figli sono davvero preziosi lo siamo anche noi che li facciamo. Vogliamo partorire in ospedali con standard da clinica svizzera, con dottori e infermiere gentili, l’epidurale gratis e a volontà, un marito attento che condivide l’impegno della prole al 50%, uno stipendio fisso e generoso, capi sensibili ed empatici, avanzamenti di carriera alla pari con i colleghi maschi, baby sitter e colf di Stato, preparate, pagate e in regola, presenti anche di sabato, domenica e soprattutto quando l’infante è malato, pediatre che vengono a visitarli a casa, scuole efficienti, bravi insegnanti, corsi di sport, catechismo e musica direttamente a scuola, psicologhe per seguire le turbe adolescenziali. Serie televisive che ci celebrino, giornali che ci raccontino nella nostra vera grandezza. E lo vogliamo non per un anno o due, lo vogliamo per sempre, con impegno di risorse perenne e non modificabile: non ci fidiamo più. Cosa? E’ impossibile? Beh recuperando anche solo la metà dei 100 miliardi di evasione fiscale all’anno sarebbe possibilissimo. Fate voi. Parola dell’anno: consapevolezza.

BILANCIA oroscopo

E poi è successo anche a voi. Il vostro lavoro non c’è più, se l’è magnato la pandemia. Vi guardate un po’ intorno, e poi un lampo: il PNRR. Sì, il PNRR vi salverà. Occasione storica e irripetibile per il paese, volete che non lo possa essere anche per voi? Qualcuno dovrà pur essere assunto per fare tutte queste autostrade, ergere tutte queste infrastrutture, cablare tutti questi paeselli. Certo, avete qualche dubbio, magari siete una impiegata di agenzia viaggi, una cameriera, una commessa, una barista. Ma niente paura: se diventate una professionista STEM vi verranno a cercare loro: tra 5 anni di istituto tecnico e altri 5 di ingegneria vi assumeranno per il PNRR. Peccato che per l’epoca il PNRR sarà finito. OOps! Meglio cambiare strada, eh vi consigliano le stelle, chi fa per se fa per tre. Ve la caverete anche questa volta in un modo o nell’altro, ma in futuro fatelo sapere a chi di dovere: anche voi avete diritto ad un lavoro. Parola dell’anno: rivendicazione.

SCORPIONE

Siete un segno dalla coda velenosa, e quanto la vorreste usare con gli assistenti digitali dai nomi finto familiari e ipocritamente dolciastri che oramai, tra compagnie telefoniche e banche, trovate dappertutto. Non capiscono mai il vostro problema, vi sentite sceme di litigare e mandare a stendere delle macchine, li odiate. Vi è venuto però ora il dubbio che facciano finta di non capire, proprio come fanno certi, troppi uomini. Ed è lì che avete un’illuminazione: ma chi ha partorito gli assistenti digitali? Forse una programmatrice femminista che capisce i vostri problemi? Naaaah. C’è invece una drammatica probabilità che sia stato un nerd, maschio, aspirante alfa ma impossibilitato, dunque frustratissimo, totalmente ottenebrato dalle canne di codice binario che si è fumato dalla più tenera età, alternandole a videogames sanguinari. All’improvviso capite tutto. Le stelle vi consigliano di dare un contributo all’umanità: nel nuovo anno, finiti gli improperi, chiudete queste inutili chiamate, pure registrate per migliorare il servizio, all’urlo di “Vogliamo programmatrici femministe!”. Sai mai che si sentano minacciati nel portafogli e provvedano. Nel mentre, lasciamo voti da capogiro alle sempre più rare e gentilissime operatrici di call center che ancora ci rispondono. Sappiano che le adoriamo e siamo grate per il loro lavoro. Parola dell’anno: umanità.

SAGITTARIO oroscopo

Ok, sul tema no-vax anche le stelle non ne possono più, ma non si parla d’altro, e quindi un segno dell’oroscopo si deve pur immolare. Finora avete ascoltato con pazienza di tutto con sincero spirito di inclusione. Teorie cospirazioniste, negazioniste, cure pirotecniche e chiromantiche, spiegazioni dottorali di novelli virologi formatisi sulla Gazzetta dello Sport. Insospettabili amici, stimati colleghi, affezionati parenti trasformati in novelli rivoluzionari antisistema. Avete il sospetto che in gran parte sia sempre lo stesso popolo dei vaffa e dei porti chiusi, ma comunque per una volta i numeri sono chiari: è una netta minoranza. E in democrazia le minoranze vanno sempre rispettate e ascoltate, ma comanda la maggioranza, che forse va rispettata e ascoltata un filo di più. Le stelle femministe rivolgono quindi un appello alle care giornaliste: sappiamo che affrontate battaglie improbe lì dentro, ma se riuscite a far parlare anche di altro ve ne saremo eternamente grate. Per parte nostra, ci impegniamo a cliccare furiosamente su tutte le notizie che parlano di salute mentale, di lavoro, sanità, istruzione, povertà, economia delle persone. Se poi vi lasciassero parlare di femminismo in prima serata, promettiamo cesti faraonici di prelibatezze in redazione. Parola dell’anno: normalità.

CAPRICORNO

Da uno a 10, ma quanto vi sta appassionando il dibattito sulla prima donna Presidente della Repubblica? Tutte a non dormirci la notte, nevvero? Tanto oramai lo sappiamo, stanno strumentalizzando questo tema solo per sparigliare, distrarre, minacciare, fare melina. Unica certezza, è che, se mai Presidente donna fosse, sarebbe certo preparata, contegnosa, all’altezza, ma purtroppo, in quanto scelta da uomini, non ancora una femminista sostenuta da noi donne. Sì, lo sappiamo, c’è ancora molta strada da fare, ma le stelle dicono che questa botta della pandemia ci sta aprendo gli occhi: nell’anno nuovo cominceremo a trovare quel filo che ci unisce, anche se ancora non lo vediamo, e sul quale costruiremo una nostra proposta per il paese. La storia del futuro è dalla nostra parte. Parola dell’anno: tessitura.

ACQUARIO oroscoporoscopo

Anche voi dell’acquario siete, come noi tutte, bollite e cotte a puntino. La chiamano “Pandemic fatigue”, pare che sia normale per la situazione. Se ne stanno accorgendo anche i vostri cari, sgomenti. Come è possibile che non stiriate più con gioia garrula l’Everest del bucato? Che non lanciate più la ruota della fortuna della quarta lavatrice? E la terza, che sta asciugando ancora nel cestello? Perché lasciate sedimentare il compost direttamente sulle stoviglie? Ma soprattutto: cos’è quello strano tappetino tricologico che si sta formando nel piatto doccia? I familiari non sanno più cosa provare: vi hanno comprato il nuovo aspirapolvere senza fili, il ferro a 700.000 watt, una lavatrice superautomatizzata, ma voi niente. Non reagite. Avete la fatigue. Per una volta, non tutte le fatigue vengono per nuocere. Continuate così, prendetevi il vostro tempo per recuperare, anche un po’ di più del necessario, consigliano le stelle. Metti che a qualcuno un lampo di genio faccia venire l’idea di collaborare. Sai mai le sorprese che possono fare le sinapsi dei famigli sotto stress. Il loro stress, per una volta. Parola dell’anno: recuperare.

PESCI oroscopo oroscopo

L’ultimo segno è dedicato a voi, giovani femministe che state ancora crescendo. Vi stiamo osservando preoccupate. Siete nostre figlie, sorelle, cuginette, figlie di amiche. Vi sentite derubate di due anni di vita, e che anni, poi. Quelli della spensieratezza, dei primi amori, del sapore di mare. Molte di voi stanno facendo finta di niente, non si lamentano, studiano allo sfinimento. Siete davvero brave, responsabili, state proteggendo i fragili, vi tamponate, vaccinate, mascherate, e guardate con commiserazione i/le fuori di testa 40-50-60enni che fanno le bizze, mentre voi vi prendete sulle spalle tutta la responsabilità del vostro/nostro futuro. Beh, sappiate che le stelle femministe vegliano su di voi. Uscirete presto dal bozzolo delle camere nelle quali vi siete autorecluse e diventerete delle meravigliose farfalle…ma che farfalle, di più, scegliete voi: leonesse? Cigni? Tigri? Va bene tutto fuorché pesci muti. Quando ve la sentirete, parlate, parlateci, fate sentire la vostra voce. Noi l’ascolteremo, vi staremo vicine e sposeremo le vostre battaglie. Ve lo dobbiamo e ve lo meritate. Parola dell’anno: rinascita.

Ci sarebbe tanto altro da dire, ma abbiamo finito i segni, sarà per il prossimo Oroscopo Femminista. Allora…ancora auguri di buon anno a tutte le amiche di Ladynomics, che sia pieno di piacevoli sorprese, fortune improvvise, gradite novità, inaspettate gioie, soddisfazioni gigantesche. Un abbraccio da Giovanna e Federica!

Volete rimanere aggiornate sui nostri post? Iscrivetevi alla nostra Newsletter qui: https://ladynomics.us10.list-manage.com/subscribe?u=5105ee1f8b14f9eee61d5f40b&id=0f68c0608c, (è solo mensile, tranquille!)

Fonte foto: https://www.indiatvnews.com/lifestyle/astrology-horoscope-today-november-17-2020-astrology-predictions-for-capricorn-aries-leo-and-others-665233

Cliccando su "Accetto" e continuando la navigazione sul sito accetti di utilizzare i cookies. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli accedi alla Privacy Policy. Cliccando su Accetto, accetterai di ricevere cookie dal nostro sito.

Chiudi