×

Il futuro che vogliamo: le nostre #ideexdomani

di Giovanna Badalassi | 10 Maggio 2020

Cosa faranno le donne durante la ricostruzione? Questa è la domanda che ci siamo poste un mese fa, in piena quarantena, chiedendo alle nostre lettrici le loro #ideexdomani con un video di 2 minuti. In 39 hanno risposto all’appello raccontandoci i loro progetti per la ripartenza che oggi vi raccontiamo.

Il tema di cosa le donne hanno da dire e che vogliono fare, dei loro desideri, aspirazioni e ambizioni è forse ancora oggi uno dei tabù più forti nella vita pubblica. Essendo state per millenni chiuse nella sola vita familiare e domestica, le donne non hanno mai avuto, e dunque preteso, la visibilità pubblica per le loro idee, la loro competenza, intraprendenza, capacità. Le cose sono migliorate nell’ultimo secolo, ma non ancora abbastanza, come sappiamo.

Ancora di recente le donne, pur protagoniste nell’emergenza della crisi sanitaria, tra dottoresse, ricercatrici, infermiere, ma anche operaie, commesse e giornaliste che ci hanno garantito i servizi essenziali, sono alla fine rimaste

invisibili come soggetti collettivi, godendo al massimo di una popolarità episodica personale.

Prova ne è che al momento di decidere chi dovesse proporre le proprie idee per la ricostruzione, le donne sono rimaste pressochè escluse da ogni livello decisionale. Un “no” netto ad ogni livello, territoriale, regionale, nazionale (solo il 20% delle 1500 cariche assegnate per risolvere la crisi sono andate a donne),  implacabile e insensibile alle numerose voci che si sono levate, tra queste #datecivoce, alla quale anche Ladynomics ha aderito.

#ideexdomani ha rappresentato un tentativo quindi di dare visibilità alle idee delle donne che vanno accolte nei processi decisionali collettivi non solo perché è giusto, ma anche perché accogliere il diverso sguardo delle donne consentirebbe di ricostruire un paese migliore.

Uno sguardo che ci è arrivato da donne molto diverse tra di loro: politiche e politologhe, sindacaliste, storiche, antropologhe, infermiere, scienziate, esperte di parità di genere, di comunicazione, formatrici, imprenditrici, giornaliste, scrittrici, infermiere, attiviste femministe, architette, sociologhe, ricercatrici, registe, avvocate. Tante esperienze e storie diverse, vite sempre affascinanti perché tutte con alle spalle anni ricchi di impegno, passione e fatica.

Nonostante le differenze, si riesce comunque a cogliere nell’insieme un comune denominatore che definisce uno sguardo collettivo, anche se declinato in modi diversi.

Per ogni idea proposta si può osservare infatti  sempre il desiderio, la direzione, l’aspirazione di (ri)costruire un mondo più umano, solidale, attento agli altri e al loro benessere, indirizzando l’economia al servizio delle persone e non al loro comando. La predisposizione all’inclusione e alla rappresentazione degli invisibili, soprattutto delle invisibili è sempre la cifra comune, il filo conduttore che alla fine collega tutto.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Le idee di queste donne si riconoscono nel desiderio comune di una democrazia integrale e sostenibile,

con una pari presenza di donne e di uomini nei posti dove si decide la politica, da realizzare anche attraverso una Costituente di donne che finirebbe con il mettere al centro il concetto di cura delle persone, declinato in diversi modi.

Si parla infatti della cura svolta dalle professioni sanitarie e dei servizi essenziali: si pensa che debba essere rovesciata la piramide del valore del lavoro, riconoscendo sia a livello sociale che economico queste professioni, svolte soprattutto da donne, che nell’emergenza ci hanno spesso salvato la vita.

La cura, intesa invece come accompagnamento alla crescita delle persone

ricorre ancora quando di parla  di educazione sanitaria, di educazione al pensiero scientifico, di tutoring e di mentoring per le giovani che si affacciano al mondo del lavoro, di progetti nelle scuole per migliorare l’autostima delle donne, di programmi dedicati agli studi di genere in tutti i livelli di istruzione, o di percorsi specifici di condivisione e di trasformazione dedicati alle donne.

Quando invece si parla di cura riferita al lavoro familiare

e a quella mancata condivisione che minaccia l’emancipazione delle donne, soprattutto dopo l’esperienza dello smart-working totalitario da COVID19, si vuole proseguire sì con questa esperienza, ma in dosi settimanali sostenibili e soprattutto che tutelino la condivisione del lavoro familiare tra donne e uomini, anche con congedi parentali che favoriscano l’impegno dei padri.

La cura attenta alla sicurezza delle donne

 è invece quella che parla del loro bisogno di emancipazione economica, della prevenzione, cura e contrasto della violenza domestica, delle molestie sul luogo di lavoro, della soluzione dei conflitti familiari,

Se si parla di cura in termini di inclusione sociale

si vogliono invece valorizzare le diverse capacità delle donne disabili,  tutelare le famiglie monogenitoriali con una apposita normativa  o rappresentare le difficoltà delle caregiver di anziani attraverso la sensibilità dell’arte teatrale.

Lo stesso sguardo di attenzione all’inclusione è poi lo stesso che si riconosce anche nelle idee delle donne imprenditrici nel mondo del lavoro.

Si vuole così promuovere un nuovo modo di lavorare in rete e condiviso per valorizzare appieno le potenzialità del Made in Italy. Emerge poi l’importanza di creare le premesse per promuovere idee di impresa in settori ed attività legate alle persone o che abbiano una forte componente umana e solidale: si parla di start-up di turismo diffuso e covid-sostenibile per territori ancora sconosciuti, così come di progetti di moda circolare, di business collaborativo sempre nel settore della moda, di promuovere la microimprenditoria delle donne migranti.

L’imprenditoria femminile nell’agricoltura viene valorizzata attraverso la proposta di reti di donne impegnate nella filiera dell’agroalimentare che valorizzino il giusto valore del cibo, anche diventando protagoniste di un’agricoltura più moderna e recuperando quell’antica cultura contadina e montana che ci pare oggi tanto lontana ma dai valori oggi così indispensabili.

Una cura dell’inclusione che porta a valorizzare i diritti di parità ed uguaglianza come strada maestra non solo per riavviare l’economia ma anche per promuovere il rispetto per le diversità, anche nel Pubblico impiego, ad esempio attraverso il potenziamento dei Comitati unici di garanzia.

Le priorità delle nuove generazioni e di quelle più mature che hanno fatto il femminismo negli anni 70 trovano parecchi punti in comune:

più servizi pubblici, più lavoro anche per le donne, attenzione per le famiglie che cambiano e prevenzione della violenza contro le donne.

La ricostruzione, per queste donne, passa quindi attraverso una visione di nuovi e antichi diritti,

anche nel mondo del lavoro, che si dovranno prendere in considerazione, se vorrà trasformare questa crisi in opportunità con importanti ricadute sul PIL, che potrà tornare a crescere solo attraverso il superamento delle diseguaglianze e dunque attraverso una reale inclusione che potrà sostenere anche una maternità liberamente scelta.

Il diverso sguardo delle donne avrà inoltre bisogno di essere comunicato in modo differente,

più umano, soprattutto a livello istituzionale, ma anche attraverso progetti editoriali specifici di TG in grado di cogliere la ricaduta delle politiche sulla società e sulle persone, anche con iniziative culturali che vanno dal raccontare la diversa storia delle donne al valorizzare i giovani nel teatro, cogliendo l’opportunità di piccole produzioni sperimentali. Il riconoscimento giuridico specifico alle imprese culturali permetterà inoltre di valorizzare appieno il potenziale sociale, culturale ed economico di questo settore.

E’ un mondo, questo che emerge dall’esperimento di #ideexdomani che a noi piace molto,

soprattutto perché non è un mondo dei sogni, ma un impegno quotidiano di queste donne per realizzare le proprie idee.

Si tratta di una molteplicità di impegni individuali che ora devono però trovare una sintesi e una direzione per poter esprimere appieno non solo il potenziale delle singole individualità ma anche quella forza sociale e collettiva che i tempi chiederanno anche a noi donne di sprigionare, e di essere riconosciuta da tutte e da tutti.

PS: Vogliamo ringraziare con tutto il cuore le donne che hanno partecipato, regalandoci qualcosa di sé.

E se per caso qualcun’altra avesse voglia di partecipare, #ideexdomani non si conclude qui, proseguirà finchè ci vorrete raccontare i vostri progetti, quindi mandateci pure vostri video!

IDEEXDOMANI:

VIDEO COMPLETO: https://www.facebook.com/ladynomics/videos/251633406204651/

6 aprile 2020 – #ideexdomani – @Luisa Setti: “Vorrei maggiore Educazione sanitaria per curare bene il COVID-19, sostenere gli/le infermieri/e e lasciare aperti i corridoi sanitari”

7 aprile 2020 – #ideexdomani – Tiziana Bartolini:”Vorrei dei TG centrati sulle persone e sui grandi cambiamenti”

8 aprile 2020 – #ideexdomani – Gisella Bassanini “Vorrei una legge nazionale per tutelare i genitori single e le loro famiglie”

9 aprile 2020 – #ideexdomani – Flavia Marzano: “Vorrei lo smartworking nella PA anche dopo la crisi, per risparmiare CO2 e migliorare la conciliazione vita-lavoro”

10 aprile 2020 – #ideexdomani: Isabella Sitar: “Vorrei creare start-up che propongano nuovi itinerari per sostenere la ripresa del turismo”

11 aprile 2020 – #ideexdomani – Mariolina Coppola: “Vorrei una politica fatta dalle donne in una nuova Costituente per la ricostruzione”

14 aprile 2020 – #ideexdomani – Susanna Camusso: “Ripartiamo rovesciando la gerarchia del valore/lavoro perchè chi si occupa della cura e del benessere delle persone deve essere al vertice, non alla base “

15 aprile 2020 – #ideexdomani – Laura Onofri, SNOQ Torino: “Un forte incentivo per il congedo parentale richiesto dagli uomini, così da condividere il lavoro familiare e liberare il tempo e le capacità delle donne

16 aprile 2020 – #ideexdomani – Senatrice Valeria Fedeli: “Per la ricostruzione occorre un ribaltamento di visione per valori condivisi che si può ottenere solo con il diverso sguardo delle donne, nei luoghi di decisione, nell’economia e nella società.

17 aprile 2020 – #ideexdomani – Eleonora de Nardis, Sociologa e Giornalista:”La ricostruzione deve ripartire dalle donne, dalla loro sicurezza, indipendenza economica ed emancipazione sociale”

18 aprile 2020 – #ideexdomani – Rita Bencivenga: “ Vorrei rinforzare i Comitati Unici di Garanzia (CUG) per promuovere le pari opportunità, le diversità e l’inclusione”.

19 aprile 2020 – #ideexdomani – On. Susanna Cenni: “Vorrei creare una rete di competenze femminili per dare al cibo il valore che merita, rendendone visibili le potenzialità di crescita e di sviluppo per il paese”

20 aprile 2020 – #ideexdomani – Consuelo Barilari, Regista: “Guardare al Teatro durante la crisi COVID 19 come un’opportunità”

20 aprile 2020 – #ideexdomani – Paola Setti, giornalista: “La ripresa dopo il COVID-19 ci può portare ad una nuova stagione di diritti e azioni positive, basti pensare allo smart-working e al congedo parentale che prima sembravano impossibili. Non retrocediamo”

21 aprile 2020 – #ideexdomani – Silvia Pettinicchio: “Vorrei creare una impresa femminile di moda circolare per abiti sostenibili e che ci parlano di futuro, ambiente e speranza”

21 aprile 2020 – #ideexdomani – Giada Campus: “Vorrei raccontare la voce delle donne in una banca dati di storie personali”

22 aprile 2020 – #ideexdomani: Sheeba Servetto: “Anche nel dopo COVID-19 dobbiamo continuare ad occuparci dei problemi di molestie e violenze sui posti di lavoro”

22 aprile 2020 – #ideexdomani – Marilù Chiofalo, Fisica: “Per risolvere i nuovi problemi complessi, educhiamo tutte e tutti al pensiero scientifico, da 0 a 100 anni”

23 aprile 2020 – #ideexdomani – Luisa Rizzitelli – “Ci vuole lo sguardo delle donne nei posti dove si decide della nostra vita, per una politica femminile solidale e rispettosa delle persone e della natura”

23 aprile 2020 – #ideexdomani – Teresa Bruneri: “Ripartiamo da un nuovo movimento femminista per sostenere quattro priorità: servizi pubblici, lavoro, famiglie e prevenzione della violenza contro le donne”

24 aprile 2020 – #ideexdomani – Chiara Tintori – Politologa: “Ripartiamo da una democrazia integrale, cioè quotidiana, comunitaria, empatica, positiva sul solco degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030”

24 aprile 2020 – #ideexdomani – Laura Coccia “Ripartiamo insieme, senza lasciare indietro nessuno, valorizzando anche le capacità e l’energia delle donne con disabilità”

27 aprile – #ideexdomani – Titti Di Salvo, Presidentessa LED: “Le donne, già centrali nell’emergenza, lo devono essere anche nella ricostruzione, per migliorare la sanità, ridurre le diseguaglianze, aumentare la natalità e contribuire alla crescita del PIL”

28 aprile – #ideexdomani – Cristina Mordiglia, Avvocato: “La crisi COVID-19 ha messo a dura prova le famiglie: impariamo a risolvere i conflitti familiari con la pratica collaborativa”

29 aprile – #ideexdomani: Maria Ludovica Agrò: “Per affrontare la violenza sulle donne vorrei una formazione capillare per gli operatori del mondo del lavoro, della scuola e dell’Università”

29 aprile – #ideexdomani – Michela Zucca, antropologa: “Video-pillole di Piccola storia delle donne e delle loro famiglie, recuperando il rapporto con il territorio e la natura per una vita più egualitaria”

29 aprile – #ideexdomani – Fabrizia Dalcò, storica: “Una legge che favorisca l’equa condivisione del lavoro di cura per lo smartworking”

30 aprile – #ideexdomani – Enterprising Girls: “Ripartiamo dal Made in Italy anche grazie alle capacità e competenze delle imprenditrici, in rete e solidali”

30 aprile – #ideexdomani – Progetto Donne e Futuro: “Nel dopo COVID-19 sosteniamo ancora di più la crescita professionale delle donne attraverso il Mentoring e il Tutoring”

30 aprile – #ideexdomani – Gianna Coletti: “Mamma a carico: usiamo il teatro per educare alla cura degli anziani e sostenere le donne caregiver”

1 maggio – #ideexdomani – Lisa Francovich: “Ripartiamo da un impegno serio nella sostenibilità ambientale e alimentare, miglioriamo l’autostima delle donne con la scuola, e rafforziamo davvero tutti i servizi pubblici”

1 maggio – #ideexdomani – Daniela Poggio, Comunicatrice: ”Vorrei una comunicazione istituzionale calda, accogliente, che sappia parlare a tutti tenendo conto delle differenze”

5 maggio – #ideexdomani – Monica Martinelli, Editrice: “Vorrei diffondere gli studi di genere in tutti i livelli di istruzione”

5 maggio – #Ideexdomani – Alessandra Oddi Baglioni, Presidente Confagricoltura Donna: “Donne protagoniste di un’agricoltura più moderna nella contrattualistica, nella presenza sul web e nella distribuzione”

5 maggio – #ideexdomani – Marzia Camarda, Imprenditrice: ” Un riconoscimento giuridico specifico per le imprese culturali che ne valorizzi appieno il potenziale sociale, culturale ed economico”

9 maggio – #ideexdomani – Betti Cannova, Progettista Europea: ”Un’alleanza tra ONG, Fondazioni e banche per sviluppare le potenzialità delle donne migranti imprenditrici”

9 maggio – #ideexdomani – Laura Zanetti per Lilamarì: “Vogliamo sperimentare il business collaborativo a partire dal nostro laboratorio sartoriale”

9 maggio – #ideexdomani – Marina Capponi, Avvocata “Tuteliamo il lavoro con la voce delle donne ripartendo da un diritto più garantista e una giustizia più efficace”

9 maggio – #ideexdomani – Eleonora Pinzuti : “Percorsi di condivisione e di trasformazione perché le donne diventino protagoniste della ricostruzione”

Cliccando su "Accetto" e continuando la navigazione sul sito accetti di utilizzare i cookies. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli accedi alla Privacy Policy. Cliccando su Accetto, accetterai di ricevere cookie dal nostro sito.

Chiudi