×

La gentilezza in politica non è roba da signorine?

di Giovanna Badalassi | 28 Marzo 2019

Due oersone si tendono la mano.

Photo by Toa Heftiba on Unsplash

E’ passato qualche giorno dall’attentato di ChristianChurch in Nuova Zelanda e la notizia è già stata digerita abbondantemente dai media. A noi invece continua a rimanere in testa  questa grandiosa manifestazione di empatia e solidarietà della Premier Jacinda Arderns che ha avuto parole di conforto inaudite per un pubblico mediatico oramai assuefatto ai bulli strafottenti che governano il mondo (e l’Italia).

Per quanto possiamo esserne rimasti sorpresi, non è un caso che tutto ciò sia successo in Nuova Zelanda e da parte di questa premier. Jacinda è infatti stata eletta proprio per il suo programma elettorale basato su questi principi, per i qualiè stata contestata e si è pure dovuta difendere.

Già in tempi non sospetti (ottobre 2018) Jacinda ha inoltre fatto un discorso all’ONU nel quale ha sintetizzato con una sola parola tutto quello che ispira il suo credo politico: la gentilezza.

La gentilezza, quindi, come cifra distintiva e valore fondante di un’azione di governo.

E’ possibile in tempi di sovranismo e populismo? Jacinda pare dire di sì e sembra indicare la direzione di una nuova resistenza al vento mondiale che spinge invece verso l’isolazionismo, il populismo, il sovranismo e, insomma, tutte cose belle.

Cerchiamo quindi di mettere bene a fuoco come una virtù individuale e personale possa essere declinata all’interno di un contesto politico e di governo: com’è una politica gentile? Ma soprattutto, la politica gentile è più o meno forte della politica machista? Vediamo.

Non ci crederete, ma una volta la gentilezza era di moda.

Nella storia, la gentilezza, che si accompagna in modo imprescindibile alla cura del prossimo e all’avere a cuore le sorti degli altri, ha sempre goduto di una forte e radicata approvazione sociale. L’individualismo, che ad essa si contrappone, è diventato invece un valore “vincente” nella società, nell’economia e nella politica solo nella storia recente come spiegato molto bene qui.

Cosa è capitato nell’era moderna per far diventare la gentilezza la virtù dei deboli perdenti e l’individualismo la virtù dei forti vincenti?

E’ successo che è arrivato il capitalismo, accompagnato dal consumismo di massa, e alla sostanziale affermazione del valore dei mezzi e delle cose sui valori delle persone. E non vi è dubbio che la gentilezza appartenga al mondo degli umani: non si può essere gentili con le merci, con un container o con una borsa griffata. Si è gentili solo con le persone.

La gentilezza, pertanto, è una virtù all’esatto opposto dei valori del capitalismo,

nel quale sono le cose, i soldi e i mezzi a governare la nostra vita.

Il capitalismo, che oramai è chiaro, rappresenta il modello economico ideale per la cultura patriarcale, deve per forza sostenere, promuovere e fomentare tutti i valori che inducono al maggiore acquisto e consumo possibile delle cose.

I fondamenti del marketing moderno impongono infatti che il consumatore ideale deve essere infelice il giusto per sfogare negli acquisti la propria insoddisfazione. Deve quindi essere individualista, senza relazioni, isolato, e messo continuamente a confronto con modelli aspirazionali irraggiungibili e, soprattutto, griffati, che alimentano continuamente il desiderio di acquisto.

Capite che in questo contesto la gentilezza deve finire asfaltata senza pietà: le persone gentili di natura sono le più felici che possiate incontrare e difficilmente sono dei grandi consumatori, dal momento che non hanno bisogno delle cose per consolarsi della propria tristezza.

Proprio perché pericolosa per il capitalismo e il modello del consumo di massa, la gentilezza nell’era industriale è stata sempre più mortificata e disconosciuta, fino ad arrivare a rappresentare una virtù dei perdenti e degli sfigati: niente gentilezza in politica e nel lavoro. Unico spazio sociale concesso è stato quello della gentilezza all’interno della famiglia, verso i bambini, anziani e soggetti fragili. Guarda caso, la gentilezza è diventata a questo punto una virtù prettamente femminile. Una roba da signorine, insomma, mentre sugli uomini gentili è calato lo stigma sociale.

Però ora, sembra, qualcosa sta cambiando.

C’è stata la crisi planetaria del 2008, sono scoppiate tutte le bolle speculative possibili, e ci sono molti segnali di insofferenza.  Il capitalismo è, come dire, “un po’ stanchino”, se non in piena crisi. Tra l’altro, non solo si sente minacciato dal cambiamento di umore collettivo, ma, soprattutto, non accetta l’idea di arrendersi di fronte ad un processo planetario di proporzioni bibliche: se non ci diamo una calmata con la produzione e i consumi tra 12 anni il surriscaldamento del pianeta sarà irreversibile e finiremo tutti belli arrostiti che manco un flambè.

E’ da questa crisi, quindi, che origina l’ascesa dei populisti sovranisti destrorsi che vediamo oggi nel mondo, tutti  movimenti che, guarda caso, condividono le caratteristiche di un capitalismo deteriorato: arroganza, isolazionismo, discriminazione, maschilismo, integralismo, negazione del cambiamento climatico, prepotenza ecc.

In tutto questo ribollìo ti arriva la Jacinda e ti propina la gentilezza, nello stesso giorno in cui un’altra piccola donna, Greta Thunberg, guarda caso, guida una manifestazione planetaria per la salvaguardia del clima.

Una combinazione? No.

La gentilezza in politica e la tutela del clima sono due facce della stessa medaglia, che è quella di un nuovo ordine mondiale che non si può più basare sui valori del capitalismo patriarcale.  Ma come definire il nuovo corso? Magari con qualcosa che abbia a che fare con il matriarcato? Anche a voi viene da ridere incredule a sentire pronunciare questa parola? Beh, chiamatelo come volete, ma ne abbiamo un disperato bisogno per contrastare le attuali spinte all’imbarbarimento e all’autodistruzione.

Tra l’altro sappiate che la gentilezza, sia a livello personale che politico richiede molta forza.

Per essere davvero tale, e non puro manierismo, la gentilezza si deve infatti accompagnare ad una forma di rigore che non è certo l’ordine e la disciplina fascistoide della mascella rigida, ma un inflessibile esercizio di armonia, autocontrollo e coerenza:  Jacinda Ardern, per dire, dopo le bellissime parole ha fatto approvare una legge che ha messo al bando le armi in Nuova Zelanda, paese che tra l’altro, ha una politica per l’emigrazione molto severa. Anche i paesi nordici, rinomati per le politiche “gentili” e pacifiche, nonché per un elevato livello di parità tra donne e uomini, sono ultra disciplinati nel rispetto delle regole sia sociali che politiche.

Certo, guardando all’Italia la gentilezza in politica e nella società, soprattutto se accompagnata al rispetto delle regole e alla crescita della condizione femminile, ci pare un’utopia irraggiungibile.

Intanto, però, i nostri cari apostoli del tardo-capitalismo tendenza populista hanno capito bene che qualche minaccia in questo senso c’è, altrimenti non si spiegherebbe tutta questa foga distruttrice nei confronti del femminismo, un movimento che non se l’è filato più nessuno a partire dagli anni 80, quando ne è stata decretata una fine miserevole in mezzo a sfottò e derisioni. Ora, invece, ti arrivano questi e cominciano a sparare a palle incatenate su qualsiasi diritto delle donne già acquisito da decenni, di fatto non solo resuscitando le femministe d’antan già pensionate, ma obbligando anche le nuove generazioni, a partire dalle sedicenni, a riprendere il discorso e a rilanciarlo.

Quindi, signori, qualche scricchiolio si percepisce.

Cominciate quindi ad esercitarvi che la gentilezza sta ritornando di moda, se persino una star mondiale come Lady Gaga ne parla ispirata.

Ah, giusto, dimenticavo. Le protagoniste indiscusse di questa virtù negli ultimi secoli, sono state le donne, che la sanno ancora praticare in modo egregio. La leadership del futuro toccherà quindi a loro, come ci insegnano Jacinda e Greta.

Anche se in Italia non ce ne siamo ancora accorti, nel mondo sta già succedendo.


Cliccando su "Accetto" e continuando la navigazione sul sito accetti di utilizzare i cookies. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli accedi alla Privacy Policy. Cliccando su Accetto, accetterai di ricevere cookie dal nostro sito.

Chiudi