×

Cambiamento climatico al centro della politica USA

di Federica Gentile | 6 Settembre 2019

10 dei candidati alle primarie del partito democratico hanno partecipato a un dibattito sul cambiamento climatico organizzato dalla CNN
Foto via CNN

Pochi giorni fa la  CNN ha organizzato un dibattito con il formato “town hall” (dibattito in cui candidati e candidate rispondono alle domande del pubblico) di ben 7 ore per parlare del cambiamento climatico e intervistare alcuni dei candidati/e alle primarie del partito democratico su questo tema, decisamente bollente. Una maratona di 7 ore su un tema così specifico durante una campagna elettorale non si  è mai vista qui negli USA e tanto meno in Italia, ed evidenzia come ormai di cambiamento climatico si debba parlare a tutti i costi. Anche perché siamo già in notevole ritardo.  

Tra l’altro il merito di aver messo al centro della campagna elettorale il cambiamento climatico va a Alexandria Ocasio-Cortez, che lanciando l’idea del Green New Deal, ha reso impossibile ignorare la questione anche per coloro che erano piuttosto tiepidini/e sul tema. Ottima mossa, che peraltro non stupisce arrivi da una donna: i cambiamenti climatici sono dannosi per tutt*, ma per le donne in particolare. 

Ecco i punti principali di candidate e candidate che sono emersi durante il town hall organizzato dalla CNN: 

Kamala Harris  si lancia e promette eventualmente di bandire la plastica, e di trascinare in tribunale le compagnie petrolifere che hanno causato danni all’ambiente senza pagarne le conseguenze.
Voto di Greenpeace America: B+ 

Elizabeth Warren, dopo aver rivelato un ambizioso piano per contrastare il cambiamento globale, giustamente sottolinea che un focus eccessivo sui comportamenti virtuosi individuali non deve distrarre dal fatto che chi è veramente responsabile del riscaldamento globale sono le grandi multinazionali.
Voto di Greenpeace America: A- 

Joe Biden è un po’ tiepidino su temi ambientali, a favore del fracking (fratturazione idraulica). Non fa una figura  meravigliosa. Deve un po’ svegliarsi su questo e altri temi. Voto di Greenpeace America: B+ 

Bernie Sanders: piace molto – anche perchè ha definito Trump un “idiota” . Promette di difendere lavoratori e lavoratrici, e sottolinea che saranno necessari cambiamenti  e anche sacrifici, per il bene delle generazioni future. Voto di Greenpeace America:

Amy Klobuchar se la prende con Trump (a ragione, eh!) e promette di revocare gli scellerati provvedimenti di Trump sulle emissioni da metano. Voto di Greenpeace America: C+ 

Pete Buttieg la butta sul divino, e data la propensità del religioso americano medio a tirare in mezzo Dio su tutto, forse ci prende. “Se pensate che Dio stia vedendo questo (il cambiamento climatico) … che cosa credete che pensi?” Insomma, la lotta contro il cambiamento climatico è un imperativo morale. Voto di Greenpeace America: B 

Beto O’Rourke si concentra invece sull’impatto della crisi climatica sulle persone a rischio: si devono spostare le popolazioni  rischio di essere inondate in zone più sicure. Punta il dito sul problema dell’alimentazione e della carne.  Voto di Greenpeace America: B- 

Julián Castro fa bingo sul tema del razzismo ambientale: spesso sono le persone più povere (e di colore) a patire gli effetti della crisi climatica. Promette legislazione per ovviare a questo problema. Voto di Greenpeace America: B 

Andrew Yang dice no al PIL e propone indicatori che considerino anche l’ambiente. Saggia idea. Voto di Greenpeace America: C+ 

Insomma, dalle lamentele per le cannucce di carta che non funzionano benissimo all’imperativo divino di salvare il mondo, coloro tra i quali verrà selezionato/a lo/la sfidante che dovrà battere l’orrido individuo che scalda la poltrona alla Casa Bianca, si impegnano almeno a parole sul fronte dell’ambiente. Vedremo il futuro cosa ci porterà. 

Fonte: CNN’s climate crisis town hall 

Facebook Ladynomics Twitter Ladynomics

Cliccando su "Accetto" e continuando la navigazione sul sito accetti di utilizzare i cookies. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli accedi alla Privacy Policy. Cliccando su Accetto, accetterai di ricevere cookie dal nostro sito.

Chiudi